comunicato stampa

La Solita Vuota Propaganda dell’Ultimo Minuto sul Teatro Vittorio Emanuele

Oggi, nell’aula consiliare del Comune di Messina si √® assistito a una sorta di “consegna di beneficenza” di fondi da parte dell’assessore regionale Stancheris, al Teatro di Messina. Duecentocinquantamila euro per mettere in piedi una mini-programmazione di 4 mesi, gi√† presentata dal presidente Puglisi, e con progetti che dovrebbero passare al vaglio di una commissione regionale apposita. (altro…)

facebooktwitter
comunicato stampa

Chiediamo i Motivi del Trasferimento!

Il Portavoce del Movimento Cinque Stelle all’A.R.S. Valentina Zafarana interviene nel dibattito relativo al trasferimento dell‚Äôapparecchiatura di Risonanza Magnetica Nucleare dall‚Äôex P.O. Regina Margherita di Messina al P.O. di Barcellona P.G. da parte del Commissario Straordinario dell‚ÄôAzienda Sanitaria Provinciale di Messina con una interpellanza parlamentare.

La Portavoce interpella il Presidente della Regione e l’Assessore regionale per la salute affinch√© chiarisca per quale motivo, nonostante le ampie rassicurazioni sulla necessit√† di concordare con l‚ÄôAmministrazione Comunale qualsiasi iniziativa riguardasse quel presidio, il Commissario Straordinario dell‚ÄôAzienda Sanitaria Provinciale ha operato una simile scelta senza, fra l’altro, adeguatamente motivarla. Ma il fulcro dell’interpellanza √® la richiesta esplicita di valutare la possibilit√† di sospendere l’esecuzione della delibera ridiscutendo l‚Äôopportunit√† del trasferimento dell‚Äôapparecchiatura RMN, relazionando sull’accaduto e fornendo le necessarie risposte alle legittime richieste dell’amministrazione comunale di Messina.

L’interpellanza si conclude con la richiesta di conoscere se e come il governo regionale intenda avviare una seria programmazione e ristrutturazione del servizio sanitario nella provincia di Messina che tenga conto dei reali bisogni del territorio e che sia quanto pi√π possibile condivisa con le amministrazioni locali, valorizzando il loro ruolo nel concorrere alle scelte politiche relative alla salute, e con i cittadini tutti.

facebooktwitter
banner_bici

M5S: ¬´Il governo s‚Äô√® ‚Äúgiocato‚Äù le ‚ÄúGreenways¬ª? Interrogazione all’Ars: ¬´Le somme destinate al casin√≤?¬ª

L’atto parlamentare firmato dall’onorevole Vinciullo e dalle deputate del Movimento Cinque Stelle La Rocca e Zafarana. ‚ÄúCrocetta smentisca subito queste¬†voci assurde‚Äù. Il piano prevedeva la realizzazione di percorsi naturalistici nelle aree delle ferrovie dismesse

Le Greenways per quest‚Äôanno non si faranno pi√π. Non ci sono pi√π i tempi ‚Äì secondo l’assessorato alle Infrastrutture – per far ripartire entro la fine dell‚Äôanno il meccanismo che avrebbe dovuto portare la Regione a finanziare¬†con fondi europei la creazione di percorsi naturalistici o piste ciclabili recuperati dalla riconversione di ferrovie dismesse e abbandonate.

I fondi europei (17 milioni di euro) che sarebbero dovuti servire per finanziare le opere non sarebbero comunque persi, ma, secondo alcune indiscrezioni e ad alcune notizie pubblicate dalla stampa, potrebbero venire dirottati alla realizzazione di un casinò in Sicilia.

Per sgomberare il campo da ogni equivoco i deputati Vinciullo del Pdl, e Zafarana e La Rocca del Movimento cinque Stelle, hanno presentato una interrogazione all’Ars diretta al presidente della Regione, e agli assessori al Bilancio, al Turismo e alle Infrastrutture per sapere ‚Äúse risponde al vero la notizia, apparsa su alcuni organi di stampa, secondo la quale, le somme gi√† stanziate per le Greenways sarebbero state destinate alla realizzazione di un Casin√≤ in Sicilia, perch√© in questo caso oltre al danno subito ci sarebbe la beffa, in quanto si vedrebbero somme destinate a tutte le fasce di popolazione siciliana e al turismo di qualit√†, destinate a fasce sociali ricche e soprattutto dedite al vizio del gioco, con effetti sicuramente diseducativi sulla popolazione siciliana‚Äù.

“Crocetta ‚Äì afferma Claudia La Rocca – risponda al pi√π presto e smentisca voci che sarebbero nettamente contraddittorie con quanto appreso da noi all’assesorato Infrastrutture, dove ci hanno detto che i 17 milioni previsti per il “Piano strategico regionale per la mobilit√† dolce e/o non motorizzata (greenways), con la delibera di giunta 63, sarebbero stati spostati alla linea per “Interventi strutturali e infrastrutturali attuazione portualit√† turisitica‚Äù.

Le Grenways si sarebbero arenate nel 2009, a causa di un ricorso al Tar del Comune di San Michele di Ganzaria e alla successiva revoca dell’incarico alla commissione che si doveva occupare del riesame dei progetti. Ma se ci fosse la volontà politica – afferma Valentina Zafarana Рsi potrebbe ripartire già daora senza aspettare la nuova programmazione”.

E i primi step per la programmazione 2014-2020 sarebbero già stati concordati: a settembre è infatti stata calendarizzata una conferenza di servizi per coinvolgere i comuni interessati e le ferrovie per risolvere il problema della proprietà delle reti ferroviarie dismesse.

Sarà anche tutto vero – sottolinea Zafarana- ma non è possibile però che la commissione nominata dopo la sentenza del Tar non abbia provveduto per quasi un anno a stilare la nuova graduatoria di progetti già esecutivi”.

“La Sicilia – afferma La Rocca – non pu√≤ essere ancora vittima della burocrazia, chiediamo concretezza. E’ obbligo e dovere del governo usare al meglio i fondi comunitari per investire sul territorio al fine di innescare meccanismi virtuosi. Dopo la norma sull’Albergo Diffuso, dobbiamo, in maniera trasversale, continuare a puntare sul turismo sostenibile.”

facebooktwitter
Deputati

Il MoVimento 5 Stelle Messina chiede “Responsabilit√†”. Comunicato Stampa sull’inchiesta dei Corsi di Formazione

Il MoVimento 5 Stelle di Messina apprende che, grazie ad un‚Äôoperazione di polizia investigativa congiunta tra Guardia di Finanza e Polizia di Stato, coordinata dalla Procura della Repubblica che ne ha diretto le indagini, oggi mercoled√¨ 17 luglio √® stata smantellata quella che in un primo momento doveva costituire un‚Äôorganizzazione senza fini di lucro per l‚Äôerogazione di corsi formativi, ma che, secondo gli inquirenti, ad oggi risulterebbe piuttosto un‚Äôorganizzazione finalizzata a delinquere. (altro…)

facebooktwitter
comunicato stampa

‚ÄúStop alla discarica di S. Agata di Militello‚Äù Interpellanza del Movimento 5 Stelle all’Ars

BannerCS

 

L’atto parlamentare mira a capire se il governo intende revocare l’autorizzazione all’impianto e a sospenderne in via
precauzionale la realizzazione.

Revoca delle autorizzazioni rilasciate e sospensione in via precauzionale dell’esecuzione dell’impianto. Il
Movimento¬† stelle all’Ars¬† scende in campo contro la discarica in costruzione in contrada Rocca Carbone,
nel comune di Sant’Agata di Militello. E lo fa con un’interpellanza presentata all’Ars, indirizzata al presidente
della Regione e all’assessore all’Ambiente per sapere ‚Äúse¬† non ritengano¬† opportuno intervenire per adottare
i provvedimenti necessari per l’annullamento del decreto emesso dall’Assessorato Territorio e Ambiente
in data 20/7/2010‚Äù e ‚Äúse non intendano, previa verifica dell’opportunit√† di realizzazione del progetto e della
regolarit√† dell’iter burocratico-autorizzativo, sospenderne in via precauzionale l’esecuzione‚Äù.
Contro la discarica era stato presentato pure un ricorso da un gruppo di cittadini all’ex presidente della
Regione Lombardo per bloccare il procedimento di autorizzazione.
Nel ricorso venivano elencate tutte potenziali pericolosit√†¬† dell’impianto, sottolineando soprattutto il rischio
di eventuali frane,¬† oltre ad evidenziare che l’area prescelta per realizzarlo √® ubicata in un luogo posto sotto
vincolo paesaggistico, idrogeologico e sismico, vicinissimo alla Serra del re Monte Soro, definita come sito
di interesse comunitario, e classificato dal PAI come sito a pericolosità elevata in merito alla possibilità di
fenomeni di esondazione.

“Che nessuno parli di “tragedia inaspettata” Рaffermano i deputati del Movimento 5 Stelle  Рquando poi queste dissennate decisioni porteranno ai drammi che troppe volte abbiamo già vissuto in passato, frutto non di fenomeni naturali incontrollabili, ma di una totale mancanza di rispetto nei confronti del territorio che dovremmo, invece, tutelare e mettere in sicurezza”.

“Il governo Crocetta – proseguono i deputati Рcontinua a perpetrare le politiche adottate dai precedenti
governi. L’iter autorizzativo di tale discarica √® privo di qualsiasi forma di buon senso. Prevedere una
discarica nei pressi di un impluvio quale il “Torrente Inganno” è un atto criminale proprio perché si è a
conoscenza della pericolosità di tali luoghi. Anziché implementare la raccolta differenziata, attivare e
focalizzare tutte le forze per ridurre, riusare e riciclare i materiali post consumo, si continuano a prevedere
discariche che altro non fanno che impoverire le famiglie e arricchire le ecomafie, e porre i presupposti
per devastazioni ambientali. Evidentemente, quanto sbandierato in campagna elettorale è da considerarsi
unicamente propaganda”.

facebooktwitter