fiera_messina_quimessina-3

Riqualificazione ex cittadella fieristica e bando affidamento Grilli dello Stretto : “Amministrazione confermi o smentisca”

L’emanazione di un bando di gara attraverso il quale l’Autorit√† Portuale di Messina pare intenzionata ad avviare con il Comune una ‚Äúconsulenza‚Äù sul futuro dell’area dell’ex cittadella fieristica.

Una notizia, recentemente riportata da un articolo di stampa, che ha destato l’attenzione del meetup ‚ÄúGrilli dello Stretto‚Äù che, insieme al ‚ÄúC.U.B.‚Äù e alla ‚ÄúLa Casa Rossa‚Äù, ha deciso di chiedere, in merito, lumi all‚Äôamministrazione comunale, per conoscere natura e finalit√† dell’eventuale bando di gara.

Linee guida già definite, sempre secondo quanto riportato dalla stampa, nel corso di una riunione alla quale avrebbe preso parte anche l’assessore alle Infrastrutture, Sergio De Cola.

‚ÄúL’articolo ‚Äì spiegano gli attivisti ‚Äì fa esplicito riferimento alla possibilit√† di realizzare, all’interno¬† dell‚Äôarea fieristica, attivit√† di pubblica fruizione come bar, pizzerie, teatri e cinema, nonch√© la creazione di un ‚Äúpiccolo attracco‚Äù, tramite rilascio di una¬† successiva concessione demaniale di specchio acqueo. Secondo voci di corridoio ‚Äì proseguono gli esponenti del meetup cittadino ‚Äì pare che l‚ÄôAutorit√† Portuale sia, tra le altre cose, intenzionata a concedere la gestione delle aree ad unico concessionario‚Äù.

I Grilli dello Stretto e le altre sigle, atteso che, successivamente alla circolazione di tale notizia, nessuna nota ufficiale è pervenuta da palazzo Zanca, né di conferma né di smentita, chiedono di conoscere  la posizione dell’amministrazione e del sindaco, Renato Accorinti.

“Sono tanti gli interrogativi che chiedono una risposta Рsottolineano i Cinque Stelle e gli altri movimenti – ad esempio: è vero o no che il Comune di Messina comparteciperà all’emanazione del bando? E in tal caso, l’amministrazione è intenzionata ad avallare o a contrastare la realizzazione dell’attracco? Non sarebbe più opportuno, invece di prevedere un unico concessionario – rilanciano Рche il possibile bando preveda un maggiore numero di concessioni, in modo da consentire a più imprenditori e commercianti, e non ai soliti grandi gruppi imprenditoriali, di parteciparvi?”

facebooktwitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *