comunicato stampa

M5S: Diamo l’Istituto Marino ad Associazioni Socio-Assistenziali!

comunicato stampaIl Movimento 5 Stelle Grilli dello Stretto chiede chiarimenti alla Giunta Accorinti circa la gestione del bando e l’assegnazione effettuata dell’ex istituto Marino di Mortelle.

La struttura è stata donata al Comune di Messina per la realizzazione di attività socio-assistenziali rivolte ai giovani e il Sindaco ha sollecitato le associazioni a partecipare al bando con proposte progettuali. Alcune di queste sono state convocate al Dipartimento Patrimonio e Demanio e avrebbero trovato un accordo per la possibilità di usufruire dei locali del suddetto Istituto per creare una vera cittadella Sociale che avrebbe visto il realizzarsi di attività socio-assistenziali e che avrebbero coinvolto tra l’altro dei ragazzi disabili che oggi trovano sempre meno spazio di inserimento sociale. Il Movimento 5 Stelle rispettando l’operato dell’Istituto di Fisiologia Clinica del Cnr di Pisa, si chiede come mai considerando gli spazi a disposizione, non sia possibile portare avanti la proposta di accordo tra gli enti partecipanti che possono dare risorse aggiuntive e valorizzare la zona di Messina Nord in cui attualmente non sono presenti servizi comunali di Aggregazione Sociale.

Il Movimento 5 Stelle pertanto sollecita l’Amministrazione Comunale ad assegnare gli spazi, non utilizzati per il progetto “Area” del Cnr, alle Associazioni, i cui progetti rispondono alle finalità richieste, che potrebbero sinergicamente cooperare per rendere l’Istituto Marino un luogo in cui si integrano attività di ricerca e di aggregazione sociale rivolte a minori, giovani e famiglie.

Chiediamo inoltre, in riferimento all’avviso pubblico che vedrebbe l’assegnazione di Beni Confiscati alla Mafia per la realizzazione di servizi di pronto soccorso sociale, come mai sia stato inserito tra i requisiti richiesti agli enti partecipanti “esperienza e professionalità acquisita nel settore dei beni confiscati per conto di Enti Pubblici” precludendo così la partecipazione di enti di volontariato che con crescenti difficoltà, attualmente sostengo le sempre più innumerevoli famiglie che vertono in situazione di disagio.

Associazioni ed enti che più volte sono state incitate dal Sindaco Renato Accorinti alla partecipazione e che attualmente si trovano a dover gestire autonomamente le crescenti emergenze senza il sostegno dell’AmministrazioneComunale.

La Giunta Accorinti aveva promesso di incontrare i cittadini nelle piazze e ogni 100 giorni si sarebbe confrontata per il suo operato, ma ad oggi continua a tenere le porte aperte alle solite cooperative e associazioni che hanno sempre gestito i servizi territoriali.

facebooktwitter
comunicato stampa

Concetti fondamentale del Meetup “I Grilli dello Stretto”

In seguito alle vicende avvenute negli ultimi mesi il Meetup di Messina ci tiene a ribadire alcuni concetti fondamentali a tutela del futuro che vogliamo costruire insieme. Il Meetup non è una sede di partito, è un contenitore di idee, uno strumento di lavoro per confrontarsi e decidere insieme quali progetti portare avanti per il bene della collettività e lo strumento informatico omonimo serve solamente ad abbattere le distanze e le barriere architettoniche.

Il Meetup di Messina “I grilli dello Stretto” non ha regolamenti interni o strutture piramidali verticistiche, che portano poteri decisionali nelle mani di singole persone o gruppi ristretti, soltanto il buonsenso e la moderazione per la buona riuscita delle riunioni, si rif√† solamente al Non Statuto e alla Carta di Firenze. Pur rispettando il dialogo ed ogni individuo come persona, non accettiamo la presa in giro di dover sedersi ad un tavolo, nella formazione di un governo nazionale, a dialogare con persone non elette e per lo pi√π pregiudicate, con l’esperienza pluriennale che siffatte contrattazioni non corrispondono a Nulla.

Siamo totalmente disponibili a collaborare con qualsiasi amministrazione in virt√π della bont√† delle proposte e non del colore politico, siamo protesi verso l’elaborazione di progetti utili alla comunit√† e mal sopportiamo la continua polemica o il cosiddetto “fuoco amico” sul modo in cui si debbano esporre i concetti, quando non si dedica un briciolo di attenzione al loro contenuto.

Siamo altres√¨ convinti che codeste sterili polemiche servano quasi esclusivamente ad attirare l’attenzione su di s√® fomentando il proprio egocentrismo, siano strumentali all’obiettivo personale di accaparrare consenso per approdare forse in diversi, e certamente pi√π “ricchi”, lidi. Tutto ci√≤ distoglie l’attenzione dal primario obiettivo che ci siamo proposti: migliorare le condizioni di vita dei cittadini.

facebooktwitter